Autoefficacia. Superare le proprie barriere mentali e dare il meglio di sè.

condividi questo articolo su:

L’autoefficacia è la percezione che noi abbiamo di noi stessi. La consapevolezza di poter gestire determinate attività, situazioni od eventi (come il parlare in pubblico)

Abbiamo già affrontato il concetto di Dialogo interiore, di quanto sia importante saper parlare con se stessi, ora affronteremo l’autoefficacia.

Parlare in pubblico è da sempre una delle circostanze che, più di altre, mette alla prova la persona, non solo nella sua capacità comunicativa ma anche mentale ed emotiva.

Saper controllare i proprie pensieri e paure, trovare la giusta carica e motivazione, è l’obiettivo che ogni bravo oratore si deve imporre prima di affrontare il palco.

Proprio l’acquisizione di queste capacità sono alla base del concetto dell’Autoefficacia.

 

Parlare in pubblico e l’autoefficacia. La fiducia nelle tue capacità

 

“L’autoefficacia può essere definita come una capacità generativa (che ha la funzione di organizzare elementi particolari) il cui scopo è quello di orientare le singole sottoabilità cognitive, sociali, emozionali e comportamentali in maniera efficiente per assolvere a scopi specifici.”

Albert Bandura

 

L’autoefficacia, introdotta da Bandura, può essere interpretata come l’importanza della fiducia in se stessi e, più precisamente, la consapevolezza di avere la capacità di poter compiere una determinata azione.

Questa forza ci viene data dalle nostre esperienze passate, da eventi e stimoli esterni che ci hanno condizionato e dalla conoscenza che abbiamo acquisito circa un determinato argomento.

Parlare in pubblico con scarsa autoefficacia  porta inevitabilmente a prestazioni deludenti.

Questo perché se la nostra autoefficacia è bassa (o addirittura assente), sicuramente lo saranno anche le nostre convinzioni e, di conseguenza, saremo portati a porci obiettivi poco ambiziosi.

Dentro la nostra mente ci creiamo dei limiti, delle barriere che condizioneranno la nostra performance.

Al contrario, più la nostra autoefficacia sarà alta, più noi saremo convinti delle nostre capacità: acquistiamo maggior autostima e fiducia in noi stessi, con il risultato che lavoreremo al meglio per raggiungere gli alti obiettivi che ci siamo prefissati.

In altre parole, il nostro livello di autoefficacia determina i nostri comportamenti: più riusciremo a correggere e migliorare le nostre limitazioni mentali, più saremo in grado di sprigionare il nostro potenziale.

Parlare in pubblico richiede una grande “dose” di autoefficacia, indispensabile per affrontare il palcoscenico lasciandosi alle spalle le paure, le ansie ed i blocchi emotivi tipici dell’entrata in scena.

Come aumentare l’autoefficacia

Abbiamo capito cos’è e quanto sia importante l’autoefficacia per sviluppare la fiducia in se stessi e le proprie capacità.

Resta da capire come facciamo a svilupparla.

La convinzione in noi stessi è frutto delle nostre esperienze. Imparare dai nostri successi (ma anche dai nostri errori) è indispensabile per comprendere l’importanza dell’impegno costante.

Così come le nostre esperienze più felici sono utili per aumentare le nostre convinzioni, anche gli errori commessi (se sappiamo farne tesoro) sono fonti importantissime da cui attingere per riuscire a migliorarci.

Dalle difficoltà e dagli errori passati impariamo a trasformare i nostri insuccessi in successi. Non abbiate quindi paura di sbagliare.

Anzi, da adesso in avanti, quando sbaglierete dovrete gioirne!

Inoltre è importante osservare le esperienze di altre persone. Avere infatti dei modelli di riferimento ci aiuta ad aumentare la nostra autoefficacia. Fatevi ispirare!

L’elemento forse più importante è però la persuasione e convinzione personale.

Ognuno di noi ha una percezione di se stesso. Proprio da queste nostre proiezioni scaturiscono i nostri atteggiamenti.

E’ importante quindi eliminare dalla nostra testa tutte quelle credenze limitanti che ci condizionano e ci mortificano. Cambiare e migliorarsi è nella natura dell’uomo.

Ricordatevi quindi che nessuna persona è un essere “statico” ma bensì un soggetto in continua evoluzione. I luoghi, le esperienze, la gente che ci circonda ci costringe ad un continuo mutamento.

Spetta solo a noi decidere di cambiare e migliorarci, abbattendo tutte quelle barriere mentali che ci impediscono di esprimerci al massimo.

Cercate di fare più esperienze possibili, azione, azione e azione.

Per muovere i primi passi in sicurezza, ho preparato un corso online 1,2,3 PROVA con video lezioni e ebook CLICCANDO QUI

Ricevi in anteprima tutte le informazioni per i seminari gratuiti!

Inserisci i tuoi dati:

Per maggiori informazioni consulta la PRIVACY POLICY

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e la
Privacy Policy e Terms of Service di Google.

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo su :

Autore

Andrea Moretto

Formatore, viaggiatore, scrittore, cantautore e altre cose che finiscono in ore.
Ama la musica, il teatro, il gelato, la pizza e cucinare risotti.

Aiuta le persone che vogliono studiare, comunicare e programmarsi al meglio.

Articolo precedente
Come iniziare un discorso in pubblico
Articolo successivo
Ansia da interrogazione? Supera l’esame alla grande!
TAG :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

per info e consulenze

Desideri una consulenza individuale o iscriverti ad un workshop sulla comunicazione, gestione del tempo o tecniche di memoria? Puoi contattarmi su whatsapp direttamente da qui:

Menu
WHAZZAPPIAMO?
Accetta la privacy policy